Le birre Biolupo

L'idea di poter coltivare luppolo di qualità in Trentino nasce nel 2014, nulla di strano, se si pensa che fino a metà Novecento, questo tipo di produzione nella nostra regione era cosa comune.
Presi i primi contatti con due agricoltori, Nicola Gozzer e Massimo Scalet, abbiamo iniziato a studiare e a girare per la Baviera raccogliendo idee e imparando le tecniche di coltura. Il progetto prende forma e ,nel 2015, vengono messi a dimora due luppoleti, uno in Primiero e l'altro in Valsugana. Il primo raccolto è ovviamente scarso ma, con il raccolto del 2016, si riesce a produrre circa il 90% del fabbisogno di luppolo del birrificio. Dal 2017 si aggiunge ai nostri fornitori anche Predaia Hops Company, della Val di Non, e prende forma così anche la terza versione della birra Biolupo.